Salve a tutti mi chiamo Pierluigi Caffini e sono arrivato in kenya circa 40 anni fa inizialmente per vacanza due tre mesi all’anno poi da 2001 in pianta stabile. Per lavoro ho anche visitato un po tutta l’africa ,dal Sud Africa ,Tanzania Uganda ,Mozambico dove vado quasi tutti I mesi al Togo, Senegal e la Nigeria e quello che mi colpisce sempre e profondamente e’ l’indifferenza totale alla sofferenza delle persone in qualche modo ammalate. Sembra siano lasciate al proprio destino e ne le istituzioni ne la popolazione crea o supporta tali individui. L’africa mi ha dato tanto ma anch’io ho sempre cercato di non pensare a questo aspetto di una realta’ tanto diversa dalla nostra, dove la morte non crea drammi ma e’ parte della vita e del destino di ognuno anche dei propri cari. Mi e’ capitato di vedere persone, a cui era mancato un figlio ,ridere e divertirsi il giorno dopo. Mi chiedevo: che gente e’questa…. non avevo ancora capito la loro disarmante razionalita…. questo esempio e ve ne raccontero’ altri dicono quanta sia difficile per un musungu (cosi ci chiamano) aiutare queste popolazioni. Per questo tante NGO hanno vita difficile quando arrivano in Africa anche se mettono tutte le energie possibili per riuscire nei vari progetti. Circa 4 anni fa mi sono dato una data (16/7/2016 ) dove avrei iniziato a occuparmi costantemente di sviluppare alcuni progetti per aiutare la popolazione Africana. Durante questo periodo dopo tanto pensare mi sono focalizzato su due problemi in particolare: I danni cerebrali causati dalle febbri alte sui bambini 2 la ricerca per trovare una cura per un problema comune a tutta l africa Sud sahariana conosciuto comunemente col nome di jiggers. Vedrete sul sito I vari aspetti dei due problemi. Io cerchero’ di tenervi informati settimanalmente degli sviluppi dei progetti…… stiamo cercando di coinvolgere i governi perche da soli con gli sponsor non potremmo compiere un opera completa….. Sembra che alcuni stati come il kenya e l uganda comincino a sensibilizzarsi e si parla di circa 7 millioni di persone colpite dai jiggers tra kenya e uganda e millioni di bambini con danni cerebrali….. per ora vi saluto e ci sentiamo alla prossima…. stiamo aprendo l’account Facebook che ci permettera’ di essere più vicini a voi anche con messaggi…… vi prego quando lo chiederemo di darci la vostra amicizia… a presto…. il vostro amico africano.